Home » News - Eventi

“Per il diritto alla memoria e all’identità”

2 ottobre 2013

“Per il diritto alla memoria e all’identità”

Mercoledi 2 ottobre, ore 18 presso la libreria “La Torre di Abele” in Via Pietro Micca, 22 – Torino si terrà l’incontro sul tema: “Per il diritto alla memoria e all’identità“.

 

Presentazione dei libri:
Y aún lo estoy esperando…E ancora lo sto aspettando di Paola Donatiello
Narrare il contatto col mondo di Luigi Vallebona
Coedizione Eduvim/Clueb
Saranno presenti gli autori e Carlos Gazzera (Eduvim)

 

24 marzo 1976, il colpo di stato civico-militare si radica definitivamente nella Nazione Argentina. Sotto il nome di Processo di Riorganizzazione Nazionale, finalizzato alla creazione di una nuova configurazione sociale basata sul terrore, la dimenticanza e la lacerazione del tessuto collettivo, viene perpetrata una sistematica violazione dei diritti umani. Paura, forze paramilitari, centri clandestini, tortura, solitudine, desaparición come strategia che rende interminabile il processo del terrore: dolore permanente per un’assenza illimitata.

A 37 anni dal golpe a che cosa serve ricordare?

Affinché la storia non si ripeta mai più è necessario ricordare e raccontare il passato, in quanto la memoria è un bene comune, un dovere morale e legale, uno strumento per la partecipazione e la costruzione del futuro.

La storia non può essere dimenticata o camuffata «perché le passioni e i comportamenti umani non cambiano mai radicalmente e dunque, anche se le istituzioni e le tecnologie si trasformano, la storia si ripete» sostiene Primo Levi.

L’idea di giustizia-sanzione-memoria risponde all’esigenza del ricordo e della ‘posivitizzazione’ dei diritti umani, contro l’oblio del terrore sempre intento ad occultare le sue tracce. I familiari e i sopravvissuti del terrorismo di stato in Argentina hanno sempre cercato strategie per affermare l’esistenza negata dei desaparecidos, sostituendo la memoria all’oblio, in quanto è necessaria una narrazione per riconfigurare qualcosa che abbia superato il limite della comprensione. E’ questa la lotta ormai trentennale delle Abuelas e delle Madri di Plaza de Mayo per il diritto alla memoria, alla giustizia e all’identità, anche in riferimento alla tragica vicenda dei figli dei desaparecidos “rubati” dai militari.

Per ricordare abbiamo bisogno degli altri, quindi la memoria individuale è il punto di intersezione tra le diverse memorie collettive locali che costituiscono la memoria sociale collettiva.

La presentazione dei due libri in coedizione Eduvim/Clueb nella libreria “La Torre di Abele”, da sempre sensibile al tema dei diritti umani, è un’occasione per riflettere sulla ferita ancora aperta dei desaparecidos a partire da due approcci diversi, ma accomunati dal ruolo che in entrambi svolge la narrazione:

– l’approccio antropologico, alla base della ricerca sul campo svolta da Paola Donatiello a Córdoba, la seconda città argentina, nel corso del 2010, raccogliendo le testimonianze orali dei familiari di desaparecidos;

– l’approccio letterario, su cui Luigi Vallebona fonda la sua interpretazione dell’opera narrativa di Juan José Saer, uno dei più grandi scrittori argentini contemporanei, che in diversi suoi romanzi fa emergere la vicenda dei desaparecidos proprio attraverso i racconti dei suoi personaggi durante il rito collettivo dell’asado.

 

Info:
Libreria La Torre di Abele
via Pietro Micca, 22 – 10121 Torino
tel. (+39) 011 5176360
torre.abele@tiscali.it
http://www.gruppoabele.org/

 

Dove

Libreria La Torre di Abele
Via Pietro Micca, 22, Torino

Loading Map....

Centro Interculturale
Divisione Decentramento, Servizi Culturali e Amministrativi
Giovani e Pari Opportunità
Area Cultura, Archivio, Musei e Biblioteche
Corso Taranto 160, Torino - Tel. 011.4429700 - Fax 011.4429729