Antonella Bukovaz

Così dopo il naufragio resti immobile
lo sguardo fisso alla terraferma
come se spostarlo la facesse partire
e vorresti restare in quella stagnola per sempre
un pesce al forno della terrapromessa
tra le parole concitate dei soccorsi
che non spostano nulla, nulla
ricompongono nonostante l’aiuto
e nell’immobilità – improvvisa
è la vita, la quiete serena del tempo nullo
nonostante lo scorrere di bare appena nate
che conservano i frammenti della partenza
del ritorno.
da “STO – poesie per stare”, raccolta inedita
Antonella Bukovaz

Centro Interculturale
Divisione Decentramento, Servizi Culturali e Amministrativi
Giovani e Pari Opportunità
Area Cultura, Archivio, Musei e Biblioteche
Corso Taranto 160, Torino - Tel. 011.4429700 - Fax 011.4429729