Home»In Primo Piano

IL CENTRO INTERCULTURALE SEGNALA: NATI IN ITALIA E NON ITALIANI, CRESCIUTI IN ITALIA E NON ITALIANI

IL CENTRO INTERCULTURALE SEGNALA:  NATI IN ITALIA E NON ITALIANI, CRESCIUTI IN ITALIA E NON ITALIANI

Domenica 9 giugno dalle ore 16
giornata di mobilitazione e di festa
Piazza Castello Torino

NATI IN ITALIA E NON ITALIANI, CRESCIUTI IN ITALIA E NON ITALIANI
Le persone di origine straniera che vivono in Italia sono oggi circa 5 milioni (stima Dossier Caritas Italiana, Fondazione Migrantes al 1° gennaio 2010), pari all’8 % della popolazione totale. Di questi un quinto circa sono bambini e bambine, ragazzi e ragazze.
Nati in gran parte in questo Paese, solo al compimento della maggiore età si vedono riconosciuto il diritto a chiederne la cittadinanza. Il luogo di provenienza dei loro genitori è lontano, spesso non ci sono mai stati. A loro, alle loro famiglie, vengono per lo più frapposte soltanto barriere. Limitazioni insormontabili e ingiustificate, che danno luogo a disuguaglianze, ingiustizie e
persecuzioni.

L’acquisto della cittadinanza italiana avviene per trasmissione dai genitori (ius sanguinis) e nessun riconoscimento è invece presente, diversamente da altre legislazioni nazionali europee o di paesi che vantano una significativa tradizione sul tema (come nel caso degli U.S.A. o del Canada), alla facoltà di acquisto basata sulla nascita o l’integrazione scolastica e sociale, possibilità queste incentrate invece rispettivamente sullo ius soli e sullo ius domicili.

L’articolo 3 della nostra Costituzione stabilisce il principio dell’uguaglianza tra le persone, impegnando lo Stato a rimuovere gli ostacoli che ne impediscano il pieno raggiungimento. Ma nei confronti di milioni di stranieri questo principio è disatteso.

Tutti e tutte dobbiamo assumercene la responsabilità e operare perché l’Italia sia più aperta, accogliente e civile.

Decine di migliaia di cittadine e cittadini hanno voluto, con la loro firma, condividere le ragioni della campagna “L’Italia sono anch’io”: una riforma della legge che attualmente regolamenta l’accesso alla cittadinanza per le persone di origine straniera e l’introduzione del diritto di voto alle elezioni amministrative per gli stranieri residenti. Le firme raccolte sono state consegnate al Parlamento.

Ma la consegna delle firme rappresenta solo la prima tappa di un percorso che sarà ancora lungo e impegnativo.

Si tratta di fare in modo che il Parlamento calendarizzi la discussione sulle due proposte di legge sulla cittadinanza e sul diritto di voto, per arrivare in tempi rapidi alla loro – speriamo – approvazione.

Sentiamo l’urgenza di riportare il tema della cittadinanza all’attenzione dell’opinione pubblica ed al centro del dibattito politico; per farlo, intendiamo dare vita ad eventi e iniziative capaci di sollecitare organizzazioni e singoli a dar vita ad un movimento trasversale e unitario sul tema del diritto di cittadinanza.


Promuovono:
LVIA, Terra del Fuoco CGIL CISL UIL TORINO, , Anolf, , ACLI Piemonte, ,ARCI Piemonte, CNCA Piemonte, Gruppo Abele, Libera Piemonte, US ACLI Piemonte, ACMOS, AICS Torino, ANPAS Piemonte, Cicsene, Forum Terzo Settore in Piemonte, Orbita Ubuntu Onlus, Red House, Mi Peru, Hatun Wasi , Centro Culturale Argentino, L’Italia è anche noi-SALAM TV.it, Associazione Islamica delle Alpi, Forum Immigrazione PD Piemonte, In Movimento Torino, Movimento 2 giugno, Giovani Mussulmani d’Italia, Officine Corsare, Convergenza delle Culture, CISV, Legambiente Piemonte e Valle d’Aosta, ASAI, Cantiere SOS, Dominter Onlus, Almaterra, Associazione Albanesi all’estero, Sudaka, Centro Per, G.I.A. TO, Associazione Quinto, Associazion Franzt Fanon, Quinto Suyo, Cie Piemonte/Enar, Lida Italia, Convergenza delle Culture, C. L. Tradiciones Peruanas, Centro Fanon, Amece, Gruppo Ilary, Malagasy Miray

Scarica la locandina

Scarica l’appello

 

INFO
Il comitato L’Italia sono anch’io
Tel. 3357629613/3381966757e-mail litaliasonoanchipiemonte@gmail.com
www.facebook.com/litaliasonoanchiopiemonte

Centro Interculturale
Divisione Decentramento, Servizi Culturali e Amministrativi
Giovani e Pari Opportunità
Area Cultura, Archivio, Musei e Biblioteche
Corso Taranto 160, Torino - Tel. 011.4429700 - Fax 011.4429729